Istituto Nazionale di Fisica Nucleare

Sezione di Trieste
Home > Community > Servizi locali > Amministrazione > Normativa acquisti

Normativa acquisti

Obblighi connessi ai contratti d'appalto o d'opera o di somministrazione

 

A seguito della pubblicazione delle linee guida dell’ANAC pubblichiamo le procedure da osservare per gli acquisti di forniture e servizi fino a 40 Keuro, secondo la circolare della Direzione Affari Contrattuali.

In dettaglio alcune osservazioni: Le linee guide dell’ANAC specificano che per importi inferiori a 40K€ si possa procedere mediante l’AFFIDAMENTO DIRETTO CON ADEGUATA MOTIVAZIONE, ovvero al ricorso ad indagini di mercato (ricerca in internet / ricerca su cataloghi o listini ufficiali / confrontando soggetti presenti sul MEPA / con l’albo fornitori / con l’avviso a manifestare interesse) a seguito della compilazione della DETERMINA a CONTRARRE SEMPLIFICATA a firma del direttore (da 0 a 40Ke).

Solo per questo tipo di procedura di acquisto bisogna sostituire il termine OFFERTA, relativo strettamente ad una gara, con PREVENTIVO. Se siamo sotto i 40.000€ con le nuove linee guida abbiamo due possibilità:

1. richiedere OFFERTE per effettuare una gara:

  • a) se il bene è sul MEPA fare una RDO;
  • b) se il bene non è sul MEPA, attivare la procedura per una GARA NEGOZIATA con la pubblicazione della Manifestazione di Interesse, invitare le ditte richiedendo una OFFERTA e tutto ciò che ne consegue.

2. richiedere PREVENTIVI (non è necessario inviare una lettera formale per richiedere il preventivo):

  • a1) Se il bene è su MEPA, posso utilizzare la “TRATTATIVA DIRETTA” per chiedere alle ditte un preventivo. Stampare il preventivo e confrontarlo con gli altri richiesti. Oppure stampare la videata del MEPA con evidenziati i prodotti. Fare attenzione che i prezzi indicati siano aggiornati. Successivamente si procede con un acquisto diretto al fornitore scelto.
  • a2) Se il bene non è su MEPA, bisogna contattare più ditte e farsi inviare un PREVENTIVO.
  • b) Una volta in possesso dei PREVENTIVI, sia se si acquista sul MEPA che fuori, si deve fare una valutazione e scegliere il PREVENTIVO che si ritiene più corrispondente per le nostre esigenze. Con una breve relazione (breve dipende dall’importanza dell’importo), si procede con l’ADEGUATA MOTIVAZIONE della scelta, che non è necessariamente quella con il prezzo più basso. In particolare bisogna rispettare il principio di rotazione negli inviti e negli affidamenti.
  • c) Fatta la scelta Adeguatamente Motivata, si richiede alla ditta l’offerta con il CIG e la Dichiarazione sostitutiva.

Sono state definite le seguenti soglie:

  • 1. fino 1.000€: sul MEPA ordine diretto, fuori MEPA almeno 2 preventivi, con rispetto rotazione e verifica congruità della proposta acquisita;
  • 2. da 1.000€ a 20.000€: confronto tra almeno 3 preventivi di spesa;
  • 3. da 20.000€ a 30.000€: confronto tra almeno 4 preventivi di spesa;
  • 4. da 30.000€ a 40.000€: confronto tra almeno 5 preventivi.

Se invece si preferisce effettuare una gara, è sempre possibile, indipendentemente dall’importo, effettuare delle RDO sul MEPA o, se non disponibile, Manifestazione di Interesse.

Resta inteso che abbiamo sempre e comunque l’obbligo di acquistare sul MEPA o nelle Convenzioni se il bene o servizio sono presenti. In caso di FORNITORE UNICO va verificata sempre l’infungibilità del bene e a tal riguardo si ricorda che NON sono sufficienti le dichiarazioni presentate dal fornitore o consultazioni svolte in passato e ove possibile bisogna avviare consultazioni preliminari di mercato per verificare le soluzioni tecniche disponibili, con avviso sul sito web, invio questionari, etc. sempre nel rispetto dei principi di parità di trattamento e trasparenza.

In particolare non si può invocare l’assenza di concorrenza per motivi tecnici o la tutela di diritti esclusivi, ma occorre che sia comprovato che “non esistono altri operatori economici o soluzioni alternative ragionevoli e l’assenza di concorrenza non è il risultato di una limitazione artificiale dei parametri dell’appalto”.

Consegna e collaudo

Le consegne del materiale ordinato possono avvenire presso laboratori nazionali o esteri o presso il gruppo collegato INFN di Udine purché sia specificato nella richiesta di acquisto (R.D.A.)  e venga riconsegnata in Amministrazione la bolla di consegna.

Il collaudo del materiale (inventariabile) deve essere ritirato dal richiedente/R.U.P. che deve anche collaudarlo o farlo collaudare. 

Il pagamento della fattura avverrà a collaudo effettuato; quindi il collaudo deve essere effettuato entro  30 giorni dalla data di consegna, salvo disposizioni diverse. 

In caso di problemi che ritardino il collaudo si deve darne comunicazione all'amministrazione , in modo da poter rispondere ad eventuali richieste della ditta e per poter avviare le pratiche di pagamento.

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di più

Approvo